psicologo napoli

Depressione Reattiva

Depressione reattiva

All’improvviso, TUTTO sembra inutile!

Spesso si sente parlare di depressione reattiva? Di cosa si tratta, quali sono i sintomi e come possiamo curarla? Vediamolo insieme nell’articolo.

La depressione reattiva è un disturbo psicologico non provocato da cause organiche o fisiche, ma da eventi o situazioni esterne, particolarmente destabilizzanti per il soggetto, come ad esempio: un lutto, un divorzio, un abbandono, un licenziamento, ecc.

Spesso queste situazioni determinano un senso di perdita e di fallimento. Il soggetto non si riconosce nel ruolo in cui era abituato a riconoscersi, e si sente totalmente disorientato.

Perdendo il suo ruolo, il suo modo di essere, di vivere, di relazionarsi, gli sembra che la vita non abbia più alcun senso.

Tutto diventa inutile, anche solo il semplice mangiare o bere.

La persona si sente persa, insicura, insignificante. È l’inizio della depressione.

La maggior parte delle persone tendono a considerare la depressione in senso negativo, ma in fin dei conti non dovrebbe essere considerata solo così.

Si tratta di un disturbo che, con tutte le sofferenze che comporta, dà voce alla parte più profonda di noi stessi. Quella parte che di solito viene nascosta, perché si temono le conseguenze della scoperta.

La depressione è un vero e proprio “terremoto emotivo”, che spinge la persona a mettere in gioco tutta la propria vita.

Fermiamoci un attimo, proviamo a riflettere, a capire. Forse la strada che si stava percorrendo non era quella giusta! Se siamo arrivati a provare queste sensazioni, forse è arrivato il momento di cambiare direzione.

La depressione bussa alla porta dell’anima, per chiedere semplicemente un momento di ascolto.

Chi ascoltare? Sé STESSI!

Un terremoto emotivo che ci sconvolge, ma ci permette anche di capire veramente ciò che si vuole essere.

Non dimentichiamo che ognuno di noi ha tutte le risorse interne per affrontare questa condizione di disorientamento e di sofferenza.

Cadere non vuol dire fallire, ma ricominciare a camminare con un altro passo!

Non affrontare la depressione, ma imparare ad accettarla

Affrontare la depressione a brutto muso, oppure provare in qualsiasi modo a scacciarla, vuol dire scontrarsi contro un muro di cemento armato. Questo stato d’animo deve essere compreso, accettato e soprattutto vissuto. Solo così è possibile tornare a sorridere alla luce del giorno.

La depressione dovrebbe essere considerata come un’opportunità per lasciare andare quella parte di se stessi che ormai è morta, che fa solo male.

È una fase di cambiamento importante, che permette di rinascere più consapevoli di prima: capire realmente ciò che si è e ciò che si vuole dalla vita.

Quando siamo assaliti dai pensieri tristi, oppure tutto sembra inutile: fermiamoci, accogliamo questi pensieri e lasciamo che passino tranquillamente nella nostra mente.

Nulla dura in eterno, tutto passa, tutto scorre, tutto si trasforma!

In ognuno di noi ci sono le potenzialità giuste per uscire dal tunnel del silenzio, del buio. Abbiamo un principio creativo nel nostro essere che ci permette di sentirci vivi: è quello che deve essere assecondato, è proprio quello il rimedio più potente contro la depressione.

Il potere delle parole

Spesso nella depressione la parola perde il suo originario valore. Chi è depresso non vuole parlare, si rifiuta di comunicare, perché pensa che ciò che sente non possa essere tradotto dagli altri.

Chi soffre di depressione pensa che anche parlarne non cambierebbe le cose, perché vede tutto nero.

La parola, considerata come un ponte di relazione con il mondo esterno, crolla, viene a perdersi. Ci si sente murati in sé stessi, persi in un profondo ed irrecuperabile mutismo.

Eppure, nella mente circolano infiniti pensieri negativi che si ripetono in maniera incalzante, sfiancante. Se solo riuscissimo a pronunciare una parola per ogni singolo pensiero, avremmo discorsi lunghi una vita.

Le parole, soprattutto quelle positive, sono importanti, perché influiscono sul nostro cervello e sulla nostra salute, più di quanto si possa minimamente immaginare.

Il depresso è fermo sulla propria condizione, vorrebbe uscirne, ma non sa come fare. Sembra che non accetti la possibilità di staccarsi dalla sua stessa sofferenza. Stare accanto a chi soffre di depressione non è affatto semplice. Ogni parola di conforto sembra vana, ogni discorso sembra inutile. Tutto cade nel silenzio!

Depressione reattiva Napoli

Qual è il modo migliore per far capire che ci siamo?

Utilizzare le parole giuste!

Anche un semplice “Vieni con me, accompagnami, andiamo a fare una passeggiata!” è un modo semplice per invitarlo/a a tornare a vivere. Le proposte devono essere ferme e dirette, ma allo stesso tempo non invadenti.

L’importante è rispettare la sofferenza degli altri.

Prendere una persona per mano, attraverso le parole, è il modo più bello per vincere ogni tipo di resistenza!

L’aiuto dello Psicologo

Iniziamo con il dire che chiedere aiuto non è un atto di rassegnazione o di fallimento, bensì di coraggio!

Quando la sofferenza psicologica diventa ingestibile, è necessario l’aiuto di un bravo Psicologo, in grado di accompagnare la persona, in difficoltà, lungo il percorso di evoluzione e cambiamento.

Il primo obiettivo dello psicologo è aiutare il paziente a vedere il problema con occhi diversi: presupposto fondamentale per rapportarsi, in modo funzionale, alla nuova situazione e al cambiamento.

Come curare la depressione

Durante il percorso terapeutico, il paziente viene stimolato emotivamente e cognitivamente ad ampliare la visione limitata e rigida delle cose.

I percorsi psicologici possono essere intrapresi, non solo dai pazienti che soffrono di depressione conclamata, ma anche da tutte le persone che stanno vivendo, momentaneamente, una condizione poco serena e vogliono raggiungere un generale stato di benessere psicofisico.

A volte aspettare non serve, quando la soluzione è a portata di mano!


Dott A. Lobello

Psicologo Psicoterapeuta - Napoli

Ambiti d'intervento

  • DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE
  • DISTURBI D'ANSIA
  • CONSULENZA DI COPPIA
  • PROBLEMI DELLA SFERA RELAZIONALE E SESSUALE
  • DISTURBI SOMATOFORMI
  • DISTURBI POST-TRAUMATICI DA STRESS
  • DISTURBI PSICOSOMATICI
  • DISTURBI DELL'UMORE
  • ELABORAZIONE DEL LUTTO
  • COLLOQUI DI VALUTAZIONE DEL DISAGIO PSICOLOGICO
  • DISTURBI PSICOTICI
  • PSICOLOGIA FORENSE
  • VALUTAZIONE PER CHIRURGIA BARIATRICA
  • DEPRESSIONE
  • PERIZIE DI PARTE
  • DISTURBI PSICOSOMATICI
  • DIPENDENZE DA SOSTANZA, DIPENDENZE DA GIOCO , DIPENDENZA DA INTERNET
  • SUPPORTO PSICOLOGICO NELLA SEPARAZIONE E AFFIDAMENTO
  • TRATTAMENTO DEL TRAUMA CON LA TERAPIA EMDR
  • RIABILITAZIONE BALBUZIE
  • TERAPIA ABA PER DISTURBI DELLO SPETTRO AUTISTICO

Psicologo Napoli - Dott. Alessandro Lobello

Sede: Via Annibale Marchese, 10, Napoli | Corso Trieste, 116, Caserta

Partita IVA: 07221491215

declino responsabilità | privacy | codice deontologico

alessandrolobellopsicologo@gmail.com

AVVISO: Le informazioni contenute in questo sito non vanno utilizzate come strumento di autodiagnosi o di automedicazione. I consigli forniti via web o email vanno intesi come meri suggerimenti di comportamento. La visita psicologica tradizionale rappresenta il solo strumento diagnostico per un efficace trattamento terapeutico.

©2016 Tutti i testi presenti su questo sito sono di proprietà del Dott. Alessandro Lobello .
Ultima modifica: 27/05/2016

www.Psicologi-Italia.it

© 2016. «powered by Psicologi Italia». E' severamente vietata la riproduzione, anche parziale, delle pagine e dei contenuti di questo sito.